Comitato Cittadino Lido di Dante

LIDO DI DANTE
a pochi chilometri da Ravenna, famosa per i mosaici bizantini patrimonio UNESCO. Il più piccolo borgo del litorale ravennate che offre ai suoi visitatori un’esperienza unica attraverso il contatto con una natura incontaminata inserita nel Parco del Delta del Po che aiuta a disintossicarsi da inquinamento ambientale, virtuale ed acustico creando le basi per relazioni umane autentiche


Passeggiare con Dante, Istituto Cultura di Istambul, Turchia

Noi che abitiamo nell’unico luogo titolato al Sommo poeta ci sentiamo, così per dire, dimenticati.
Nessuno dell’amministrazione comunale di Ravenna, ma neppure coloro che stanno più in alto nella gerarchia, si è ricordato che a Dante Alighieri è stato dato il suo nome ad un borgo o paese che sia questo dove stiamo. Diciamo che forse è anche colpa nostra non avendo ottemperato ad inviare nei tempi previsti al Comitato Nazionale per le Celebrazioni un progetto. Crediamo che chiamadoci Lido di Dante, forse chissà il Comune stesso di Ravenna avrebbe provveduto a non lasciarci indietro. Neppure ultimi della classfica, proprio dimenticati.
Per la cronaca dal 31 dicembre 2019, data del lancio del bando aperto a chiunque, sono arrivati al Comitato per le Celebrazioni 500 progetti, di cui 100 finanziati, 400 da patrocinare. Sì, abbiamo sbagliato noi, però, noi, siamo pur sempre parte di Ravenna. O no! (ec)


Difesa dalla burrasca.

Non è nè una passeggiata, nè un percorso cicloturistico. Ne hanno detto di tutti i colori ma pare che nessuno si sia fermato a leggere il cartello che piega l’opera messa in atto dal Comune di Ravenna. Ci sono voluti tre anni per renderla concreta ma alla fine pare che sia in via di costruzione. Era stata richiesta quindi molto tempo come difesa dal mare che avrebbe potuto, spinto da venti che soffiano da nord, superare quella semplice barriera ed allagare un parte del borgo. La dicitura esatta è sopraelevazione argine destro. Che qunado sarà finito avrà il suo corrimano, le scale per salire, il piano caspeltabile ma non terminerà oltre la lunghezza che si vede ora. Non si raccorderà con il sentiero che proviene dal ponte di ferro, ne svolgerà altra funzione che quello di essere una protezione all’invasione del mare, protezione di bell’aspetto, realizzata con tutti i crismi tipici di opere come questa. I commenti alla fine dei lavori.


Rinnovato il Comitato

Le votazioni pubbliche per il rinnovo delle cariche in seno al Comitato Cittadino di Lido di Dante sono avvenute alla fine di Agosto (21) di quest’anno. Nella lista dei residenti hanno preso più voti Luana Liverani, Caterina Lasagna, Leonardo Gaspari, Adrian Iodarche e Giorgio Elia. Tra i proprietari il maggior numero di voti è andato a Barbara Emiliani, Boni Gianfranco, Corvini Massimo. In base ai regolamenti comunali solo il 16 ottobre 2021 si è svolta la riunione per l’insediamento del nuovo Comitato cittadino e il successivo 30 ottobre il Comittato stesso ha eletto le cariche interne.
Nel Comitato che sostituisce quello guidato da Pasquale Minichini, è Caterina Lasagna ad aver ottenuto la presidenza, affiancata da Luana Liverani come vice e da Barbara Emiliani in segreteria. Consiglieri Giorgio Elia, Massimo Corvini, Adrian Iordache, Gianfranco Boni, Leonardo Gaspari.
La nuova eletta alla massima carica del Comitato cittadino crede nell’intento che sia possibile, con l’aiuto di tutti, arricchire il paese con servizi per residenti e turisti in modo che sia valorizzato sotto ogni aspetto.
Il lavoro da fare non è poco dopo questo lungo periodo di pandemia che ha “precluso” le manifestazioni tipiche che rendevano allegro e colorato Lido di Dante nella stagione estiva.
Caterina Lasagna appena eletta, e lo ha ripetuto più volte, ha la ferma convinzione che valorizzando ogni aspetto di Dante, questo possa offrire altre opportunità di lavoro per imprenditori e di relax a chi lo vuol vivere come turista. Chi già opera con un’attività a Dante avrebbe anche la possibilità di crescere ulteriormente. Ci sono piccole e grandi cose da fare, e da fare anche subito, per non trovarsi impreparati la prossima stagione. Il Comitato conosce bene le problematiche del paese e si è mosso già di conseguenza.



Se avesse avuto internet…

1274, Firenze: cosa sarebbe cambiato nella vita e nell’opera di Dante, se il Sommo Poeta avesse avuto il telefono e la connessione a Internet? Secondo quanto ci racconta, Dante incontrò Beatrice la prima volta a 9 anni, forse a una festa. Considerando che oggi a 9 anni molti bambini hanno già uno smartphone, possiamo immaginare che il Poeta, per ammazzare la noia, avrebbe sfoderato il telefono e si sarebbe isolato per giocare a Fortnite per ore e ore, finendo inevitabilmente i Giga! Solo allora, rialzando la testa dal suo smartphone, con gli occhi sgranati, avrebbe notato il più bell’angelo del Paradiso: Beatrice! Balbettando per l’emozione, rosso dalla punta del nasone fino a quella dei capelli, avrebbe rotto il ghiaccio più o meno così: “Gentile donzella, mi faresti da Hotspot?” Si sarebbero scambiati i numeri di telefono e, anzichè incontrarsi di nuovo dopo 9 anni in strada, come racconta la Vita Nova, si sarebbero incontrati dopo 9 secondi-massimo 9 minuti su Whatsapp! E il saluto che fece struggere Dante sarebbe stato una GIF: una manina che fa Ciao! Da lì, il Poeta avrebbe iniziato a seguire la sua bella su Instagram, Facebook, Tik Tok, Youtube, Twitter…perchè, diciamocelo, Beatrice sarebbe stata la regina dei Social! Il suo video “Come apparire tanto gentile e tanto onesta” avrebbe avuto milioni di visualizzazioni e di like! E la storia delle “donne dello schermo”, di cui Dante finse di essere innamorato per sviare l’attenzione e non infangare il nome di Beatrice, dato che era già sposata? Anche quella sarebbe andata in modo diverso! Il Poeta avrebbe cominciato a seguire altre tipe, taggandole e mettendo like a casaccio; ciò avrebbe fatto ingelosire Beatrice a tal punto che, dopo avergli inviato un cuore spezzato, lo avrebbe bloccato su Whatsapp e gli avrebbe tolto l’amicizia da tutti i social, povero Dante! Altro che togliergli solo il saluto! E che dire della Divina Commedia?
Con uno smartphone connesso a Internet, probabilmente, Dante non sarebbe finito nella selva oscura perchè avrebbe usato Google Maps! Quindi -ahimè!- ci saremmo persi la Divina e il patrimonio linguistico italiano! A meno che…non fosse mancato il segnale o il telefono fosse stato scarico! Eh già, perchè, si sa, spesso la rete manca quando ne abbiamo più bisogno! In questo caso, l’incipit della Commedia sarebbe stato più o meno così: Nel mezzo del cammin di nostra vita/ mi ritrovai all’improvviso senza Giga/ e la mappa di Google era sparita!
E sulla porta dell’Inferno?
Dopo il classico selfie, il Poeta avrebbe letto queste inquietanti parole:
PER ME SI VA NELLA CITTÀ DOLENTE/ PER ME SI VA NELL’ETERNA NOIA/ PER ME SI VA TRA L’ASOCIAL GENTE/ LASCIATE OGNI TELEFONO VOI CHE ENTRATE!
Insomma, quella di Dante sarebbe stata tutta un’altra storia

Autore: Scuola Media Dazzi Massa Carrara, Classe 2D



LIDO di DANTE: l
a Storia

Perché si chiama con il cognome del sommo Poeta? Se lo domandano tutti coloro che vi arrivano per la prima volta. Ricostruirne la storia è per la verità molto complesso perché rimangono poche testimonianze. Bisogna partire dal mare. Continua>>

QUI LIDO DI DANTE NON C'E'
Mappa geografica di Ravenna sud del 1941 rettificata dagli Alleati. Si può notare ingrandendola che Lido di Dante, a nord Della foce del Bevano, non è ancora stato “fondato”.


La Biblioteca per tutti

Una scansia con circa un centinaio di libri, di autori vari, è presente presso la casina bianca del Comitato cittadino sulla piazzetta del lungomare. I libri sono a disposizione di tutti coloro che desiderano leggere. Il concetto è prendimi, leggimi e riportami così qualcun altro potrà fare lo stesso


Pineta Ramazzotti


-dal 16 luglio al 28 febbraio transito a piedi  o in bici: martedì, venerdì, sabato e festivi (dalle 08.00 alle 20.00), esclusivamente lungo l’itinerario ciclopedonale (eccetto visite guidate con itinerario più ampio), fino alla torretta di avvistamento posta alla foce del fiume Bevano. Dalle ore 8 alle 20, da febbraio a ottobre compresi; dalle ore 9 alle 17. La passerella appena realizzata è disponibile solo per visite guidate che si possono richiedere presso l’apposito ufficio a Punta Marina. Chi supera le indicazioni poste in essere è passibile di ammenda.
Per informazioni: signor Leo 331.4199892


WIFI SULLA SPIAGGIA
I lidi di Ravenna (Casal Borsetti, Marina Romea, Porto Corsini, Marina di Ravenna, Punta Marina Terme, Lido Adriano, Lido di Dante, Lido di Classe e Lido di Savio) utilizzano un servizio di free Wi-Fi: basta connettersi alla Rete Wi-Fi Onda Libera (registrazione e protezione) ed il gioco è fatto!


2019 1a EDIZIONE
Concorso fotografico 
Concorrenti, premi, foto e video.
La 2a edizione già programmata è stata sospesa come tutte le altre manifestazioni dal recente Decreto emesso dal Comune di Ravenna