Rara nascita a Dante

Che le acque chiare di Lido di Dante fossero Bandiera Blu era acclarato. Ma che a testimoniarlo fosse un fatto raro è il massimo. Due turisti stavano passeggiando sulla battigia quando hanno osservato in una pozza vicino a riva una macchia scura. Sulle prime hanno creduto fosse una tartaruga poi avvicinandosi han notano essere una razza posata sulla sabbia. Pensando che fosse spiaggiata hanno cercato di rianimarla muovendola, ma la bestiola, forse stimolata, ha messo al mondo rapidamente sette cuccioli non più di dieci centimetri di diametro. I piccoli presi dal movimento ondoso sono finiti a secco e sottosopra e se le mani di Linda (ci ha concesso la breve testimonianza video), un po’ impaurita, non avessero provveduto lì sarebbero rimasti. Sei si sono diretti rapidamente verso il largo, il settimo ripresosi dallo spavento, si è infilato nel mare poco dopo. Che le razze si avvicinino a terra durante il periodo della filiazione è noto ma che si avventurassero così a terra ed in luoghi anche frequentati dagli ominidi rappresenta un fatto molto raro.
[wonderplugin_video videotype=”mp4″ mp4=”https://www.lidodidanteravenna.eu/wp-content/uploads/2018/07/VID-20180708-WA0007.mp4″ videowidth=600 videoheight=400 keepaspectratio=1 videocss=”position:relative;display:block;background-color:#000;overflow:hidden;max-width:100%;margin:0 auto;” playbutton=”https://www.lidodidanteravenna.eu/wp-content/plugins/wonderplugin-video-embed/engine/playvideo-64-64-0.png”] [wonderplugin_video videotype=”mp4″ mp4=”https://www.lidodidanteravenna.eu/wp-content/uploads/2018/07/VID-20180708-WA0006.mp4″ videowidth=600 videoheight=400 keepaspectratio=1 videocss=”position:relative;display:block;background-color:#000;overflow:hidden;max-width:100%;margin:0 auto;” playbutton=”https://www.lidodidanteravenna.eu/wp-content/plugins/wonderplugin-video-embed/engine/playvideo-64-64-0.png”]

La Razza stellata è tipica del Mediterraneo dove è abbastanza frequente. Se ne sta in genere a profondità moderata, fra i 10 e i 40 metri.
Il suo habitat preferito è rappresentato dai fondali di sabbia e fango dove si mimetizza, coperta da un leggero strato di sabbia. Qui se ne sta così, immobile, in attesa che qualche gustosa preda le capiti a tiro.Si ciba di granchi e conchiglie, la bocca è molto piccola e per l’uomo è pericoloso il pungiglione nei pressi della coda.