Sintesi argomenti Comitato cittadino

Subsidenza, erosione e bonifica del territorio

La costa di Lido di Dante sta subendo gravissimi danni causati dal fenomeno della subsidenza indotta principalmente da due fenomeni: estrazione di metano dai giacimenti profondi ed emungimento di acqua da falda. Le violente mareggiate invernali aggrediscono la località arrecando danni alla pineta, alle strutture balneari e abitazioni.
Nel programma triennale delle opere pubbliche 2017/2019 dell’Amministrazione Comunale si legge: Intervento di difesa, salvaguardia e fruibilità zona sud di Lido di Dante (stima dei costi 2.500.000 €, tempi 04/2018 – 02/2019). I lavori a protezione di tale area dovrebbero iniziare il prossimo autunno e comprenderanno la protezione della pineta e la ricostruzione dunale e retrodunale.
L’area a nord del paese deve diventare patrimonio pubblico e valorizzata come grande area per il turismo ambientale. L’Amministrazione comunale deve intervenire sulla proprietà dell’area affinché venga bonificata da detriti di ogni genere, alcuni dei quali contenenti anche amianto, come già segnalato da diversi cittadini di Lido di Dante.
In fondo a viale Catone (prospiciente la pineta) è presente un laghetto che nel periodo estivo, a causa della mancanza di acqua, si ricopre di fango maleodorante e malsano che necessita di un’incisiva operazione di bonifica.

Viabilità e trasporti

Ponte sui Fiumi Uniti
La costruzione di un nuovo ponte Bailey, che rispetti i limiti standard di sicurezza e consenta un traffico scorrevole tra i due lidi, risulta necessario e non più procrastinabile.
Nel programma triennale delle opere pubbliche 2017/2019 dell’Amministrazione Comunale si legge: Ponte sui Fiumi Uniti fra Lido Adriano e Lido di Dante (stima dei costi 3.000.000 €, tempi non presenti). Già nel 2014 l’Assessore Corsini affermò che in virtù del sesto accordo con ENI sarebbero stati disponibili 5 milioni di euro da utilizzare per la difesa del territorio e il ponte di collegamento tra Lido Adriano e Lido di Dante.
I benefici sarebbero molteplici sia per la cittadinanza sia per il turismo:
– Facile raggiungimento di servizi mancanti alla località nel periodo invernale come supermercato, farmacia, medico, banca e posta.
– Trasporto pubblico disponibile tutto l’anno utilizzando le corse degli autobus che servono Lido Adriano e che potrebbero agevolmente raggiungere Lido di Dante.
– Polo scolastico di Lido Adriano facilmente raggiungibile dagli studenti.
Manutenzione manto stradale
Gli interventi messi in atto, quali l’asfaltatura di Via Marabina e la messa in sicurezza della curva della Bosca, sono stati un traguardo importante. Occorre protrarre questo impegno operando una manutenzione costate del manto stradale al fine di rendere la località sempre ben accessibile.
Pista ciclopedonale
È sempre più urgente la realizzazione di una pista ciclopedonale, che correndo lungo l’argine destro dei Fiumi Uniti colleghi Ponte Nuovo a Lido di Dante mettendo così al riparo ciclisti e pedoni dai pericoli di Via Marabina.
Viabilità locale
Per quanto concerne la viabilità locale occorre una regolamentazione stradale che faccia uso di vie a senso unico ove possibile. In alcuni casi i marciapiedi sono a raso o assenti rendendo difficoltosi i movimenti di entrata e uscita delle persone dalle abitazioni, in particolare disabili o passeggini. L’utilizzo di divieti di sosta su uno dei due lati stradali potrebbe favorire un miglior utilizzo delle strade e ridurrebbe i disagi. La maggior parte delle strade e dei marciapiedi si trovano in pessimo stato e necessitano di lavori di manutenzione. Il Consiglio territoriale del Mare ha deliberato, tra le opere prioritarie, interventi in tal senso.
Particolarmente sentita dalla cittadinanza è la fruibilità della piazza che, soprattutto nei fine settimana, diventa un’area sosta per auto e camper rendendo il passaggio difficoltoso. Inoltre, sono stati notati comportamenti molto scorretti, come lo scarico di acque reflue dei camper nei tombini della piazza. Servono interventi che riducano i pericoli, in particolare per l’utenza debole e i minori diretti al parco giochi attrezzato. Pertanto deve essere valutato un progetto che, attraverso l’utilizzo delle fioriere già presenti nella piazza, delimiti l’area e consenta la sosta ai soli mezzi legati alle iniziative turistiche.
Pulizia delle caditoie e igiene ambientale
Relativamente la pulizia delle caditoie e l’igiene ambientale verrà chiesto un incontro con amministratori e gestori del servizio, finalizzato ad una corretta calendarizzazione degli interventi che tengano conto sia dei fenomeni atmosferici sia della maggior frequenza di persone nel periodo estivo.

Infrastrutture e servizi

Immobili – ex Caserme
Riteniamo necessario accelerare la totale acquisizione della proprietà delle ex Caserme da parte del Comune e la loro messa in sicurezza mediante una completa ristrutturazione. Mantenere il controllo pubblico di questi immobili permetterà di avere spazi di aggregazione per giovani e anziani, nonché servizi per la collettività. Questi spazi potrebbero essere dedicati ad un posto di Polizia Municipale nel periodo estivo, un ambulatorio medico per l’assistenza turistica, lo Iat, la sede del Comitato cittadino, etc.

Area sportiva
L’ampia area sportiva, presente all’ingresso del paese, potrebbe costituire un valore aggiunto per la valorizzazione del turismo sportivo, ma l’utilizzo è limitato a causa della mancanza di attrezzature necessarie quali spogliatoi e servizi. È necessario riaprire un dialogo tra la proprietà e l’amministrazione al fine di rendere quest’area adeguatamente fruibile.

Area camper
Il turismo camperista costituisce una risorsa per la località. Il piano urbanistico comunale prevedeva, come da Determina Dirigenziale del 2014 avente per oggetto: “Superamento delle criticità relative all’ambito soggetto ad art. 18 L.R. 20/2000 e SMI COS15 Lido di Dante – trasferimento campeggio”, la realizzazione di una nuova area attrezzata per la sosta camper. Per quanto concerne l’attuale area camper non sono state realizzate opere migliorative che permettano la crescita e la promozione di tale turismo. Il Comitato Cittadino chiederà anche di ripristinare la segnaletica di divieto d’accesso ai mezzi superiori a 2,5 tonnellate sotto l’insegna della località, con l’eccezione di quelli diretti alle strutture ricettive e all’area camper.

Area cani
La mancanza di un’area cani autorizzata, dal 2015 a tutt’oggi, ha provocato una significativa riduzione del turismo con animali al seguito. Riteniamo assolutamente indispensabile il ripristino di tale area posta su quel tratto di arenile verso la foce dei Fiumi uniti. L’entrata in vigore dell’ordinanza regionale, che prevede il divieto di accesso alla spiaggia a qualsiasi animale, rende urgente la presenza di un’area cani autorizzata dotata di apposita cartellonistica che segnali il percorso per raggiungerla. (Petizione presentata al Comune di Ravenna programmata in commissione il 13/06/2018 ore 15.30).

Turismo e vivibilità

Fruizione della spiaggia e della pineta
Il Comitato Cittadino si fa carico di dar voce alle numerose richieste di ripristinare l’accesso alla spiaggia e pineta. Dovranno essere organizzati incontri ad hoc con gli Enti preposti alla gestione e tutela di questo bene quali: Corpo Forestale-Carabinieri, Parco del Delta del Po e Regione. Serve un nuovo dialogo che consenta di ripristinare gradualmente la fruizione della pineta e della spiaggia. Sono necessarie, altresì, regole precise che permettano a tutti i cittadini di godere di un corretto contatto con la natura e tutelino il territorio, sanzionando chi trasgredisce le regole.

Naturismo
La pratica del naturismo è da ritenersi una risorsa sia dal punto di vista turistico sia da quello economico e concorre ad arricchire l’affluenza dei turisti a Lido di Dante. Nel 2017 l’Amministrazione Comunale predispose un’ordinanza dove autorizzava tale pratica nelle giornate del “Festival Naturista”. Il Sindaco Michele De Pascale e l’Assessore al Turismo Giacomo Costantini dichiararono: “è solo un primo passo nel percorso di regolarizzazione di un fenomeno già in passato accolto da Lido di Dante e di cui il territorio ha esperienza. Intendiamo ragionare insieme sulle modalità più opportune per continuare ad accoglierlo, nel rispetto delle regole, dell’ambiente e della sicurezza di tutti.” Qualora si ritenga necessaria una regolamentazione serve un tavolo di lavoro con la partecipazione di tutti gli attori principali: Amministrazione Comunale, Parco del Delta del Po, Corpo Forestale, Consiglio territoriale area Mare, Comitato cittadino e le Associazioni naturiste, che elabori un progetto adeguato.
Ciò che va combattuto non è la pratica del naturismo ma i fenomeni di degrado, di malcostume e di indecenza che offendono e disturbano, non solo chi sceglie il naturismo come filosofia ma tutti quelli che amano e frequentano Lido di Dante.

Sicurezza pubblica
Di primaria importanza è la sicurezza di cittadini e turisti che frequentano il lido. Deve essere messa in campo un’azione di lotta a quei fenomeni di illegalità e degrado che colpiscono non solo spiaggia e pineta ma anche il paese stesso.
Il Vicesindaco Eugenio Fusignani ha dichiarato che, grazie all’ampliamento dell’organico e l’acquisto di nuovi mezzi di spostamento (Quad), verrà data risposta al tema della sicurezza del territorio. In particolare, i Quad potranno muoversi nelle zone retrodunali e negli stradelli a controllo e contrasto di eventuali situazioni di degrado. La Polizia Municipale con i suoi mezzi presidierà le zone di Lido di Dante e Lido di Classe.
Il Comitato Cittadino si farà anche carico di organizzare un incontro pubblico, con il Comando dei Carabinieri di Lido Adriano, finalizzato ad informare i cittadini sugli strumenti utili per denunciare situazioni di illegalità nel rispetto della privacy.

Percorsi Cicloturistici
Viene sempre più richiesta da cittadini e turisti la realizzazione di un percorso cicloturistico ad anello che, partendo da Lido di Dante, possa comprendere la Pineta Ramazzotti, la foce del Bevano, la torretta di avvistamento, l’ortazzo e l’ortazzino, la torraccia e gli scavi archeologici di Classe. Serve, pertanto, un progetto di realizzazione del percorso cicloturistico che tenga conto anche della pista ciclopedonale.
Il servizio “O-BIKE”, bike-sharing a pagamento, disponibile in tutta Ravenna e in altre località della riviera, non prevede a Lido di Dante aree di noleggio e scambio bici. A tal proposito verrà presentata una richiesta di implementazione del servizio che riteniamo estremamente utile per turisti e cittadini.
Inoltre Lido di Dante è inserito nel percorso cicloturistico “AdriaBike” che comprende un lungo tratto di riviera. In collaborazione con le autorità competenti devono essere aggiornati cartelli segnaletici e percorsi.

Festeggiamenti Dante 2021
Nel 2021 ricorre il VII centenario della morte del Sommo Poeta Dante Alighieri.
Lido di Dante è l’unico paese al mondo ad aver dedicato a Dante Alighieri il proprio toponimo, mentre in altre località sono presenti solo vie o piazze.
Intervistato dal quotidiano online Ravennanotizie.it, in data 05/01/2017, il Prof. Ivan Simonini Presidente di “Parco Letterario Terre di Dante”, ha così risposto:
“furono i cittadini di allora, quando la località era conosciuta come “Foce Fiumi Uniti” e con il sottoscritto a farne da porta bandiera, a voler fortemente che del Sommo Poeta restasse vivo il ricordo a Lido di Dante.” Aggiunge inoltre: “Può Lido di Dante, il cui nome arriva direttamente dalla Divina Commedia, non essere coinvolto nelle celebrazioni e realizzazioni legate a tale evento?”.
Siamo consapevoli che le risorse a disposizione siano limitate, da un iniziale stanziamento di 7,5 milioni di euro si è scesi a 3,5 milioni (che comprendono anche le celebrazioni per la nascita di Leonardo e Raffaello) tuttavia ciò non deve essere un alibi per escludere Lido di Dante dall’essere protagonista nei festeggiamenti. Il Comitato cittadino si rende disponibile a valutare con l’Amministrazione Comunale le iniziative da svolgere presso la località.